Vai a: COPERTINA, POLITICA.

Difendere l'ambiente
e gli animali, vuol dire
scrivere i primi articoli
di un nuovo trattato di pace
tra gli uomini e la Terra.

Biografia

Michela Vittoria Brambilla, presidente della commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza, è deputata al Parlamento, imprenditrice e convinta militante animalista. È stata Ministro del Turismo nel IV Governo Berlusconi.

La sua attività di parlamentare e di membro del governo ha contribuito a determinare una rivoluzione culturale ed una vera e propria svolta nell’approccio della politica ai temi animalisti, ai quali è ormai riconosciuta una dignità senza precedenti: un percorso naturale per chi ha dedicato un’intera vita a dare voce a chi non ne ha.

Il suo mandato parlamentare è fortemente caratterizzato dall’impegno in ambito sociale, in particolare per la difesa dell’ambiente e di tutte le specie animali.
Ha depositato, in qualità di primo firmatario, 42 proposte di legge. Tra le più significative: abolizione della sperimentazione sugli animali, divieto di macellazione dei cavalli e il loro riconoscimento come animali d’affezione, chiusura di circhi, zoo e delfinari che utilizzano animali, abolizione di feste e palli che sfruttano gli animali, divieto di allevamento, cattura e uccisione di animali allo scopo di ricavarne pelli e pellicce, istituzione dei delitti ambientali, revisione della costituzione con l’inserimento della tutela dell’ambiente e di tutte le specie animali, promozione di una cultura Veg e molto altro.
Ha rivolto numerose interrogazioni al governo in tema di tutela dei diritti degli animali.

Michela Vittoria Brambilla è anche presidente fondatrice della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente (LEIDAA), ma la sua attività in questo ambito è iniziata all’età di 13 anni, con la fondazione della sezione di Lecco della Lega Antivivisezionista.
Successivamente ha militato nell’Ente Nazionale Protezione Animali ed è stata presidente provinciale della Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

Ha diretto “Il corriere a 4 zampe”, un periodico diffuso in ambito animalista, da lei stessa ideato. Nel corso del suo incarico di governo, grande è stato il suo impegno per la creazione di un’Italia “Animal Friendly”, attraverso ordinanze-tipo messe a punto con l’ANCI, che hanno aperto agli amici a 4 zampe i luoghi pubblici, i pubblici esercizi e tratti di spiaggia appositamente individuati.

Il 23 maggio 2010 ha fondato il movimento La Coscienza degli Animali, insieme con Umberto Veronesi, il cui manifesto é stato già sottoscritto on line da moltissimi cittadini (www.lacoscienzadeglianimali.it). Ne sono garanti importanti personalità del mondo della scienza, della cultura e dell’arte.

Una delle sue più celebri battaglie è quella per chiudere l’allevamento di cani beagle destinati alla vivisezione “Green Hill, di Montichiari (Bs) – obbiettivo raggiunto il 18 luglio 2012 – che è stato oggetto di un suo blitz all’interno della struttura, quando era ancora ministro e di un suo conseguente esposto alla Procura della Repubblica e ai Nas per le condizioni degli animali, con richiesta di provvedimenti cautelari ed eventualmente di sequestro. Inoltre, Michela Vittoria Brambilla ha scritto la oramai famosa norma che prevede il divieto di allevamento di cani, gatti e primati destinati alla sperimentazione su tutto il territorio nazionale. Il “testo Brambilla” è stato approvato, in via definitiva, il 31 luglio 2013, con l’art.13 della legge di delegazione europea: l’apertura di “fabbriche di morte” come Green Hill è ora vietata nel nostro Paese.

Il 23 marzo 2012 ha presentato a Roma la Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente di cui è fondatrice insieme alle più importanti associazioni operanti a livello nazionale. Si tratta del primo soggetto di tipo federativo nato nel nostro paese per riunire le realtà che operano sul fronte della tutela degli animali e dell’ambiente, rendendo ancora più efficaci le azioni comuni. La Federazione si è dotata di un giornale on line, www.nelcuore.org, del quale Michela Vittoria Brambilla è direttore editoriale, che diffonde e approfondisce notizie anche di carattere internazionale sui temi animalisti e ambientalisti.

Con la Federazione, Michela Vittoria Brambilla ha continuato l’importante lavoro svolto da ministro per rendere l’Italia più civile e più “Animal Friendly”, grazie alla firma di un nuovo accordo quadro con l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.
Inoltre, nel luglio 2012, ha vinto un’altra battaglia epocale: dopo decenni in cui i cittadini e movimenti animalisti lo chiedevano a gran voce, grazie all’intesa da lei siglata con Trenitalia, finalmente tutti i cani, di tutte le taglie, possono ora salire su tutti i treni, comprese le Frecce e gli Eurostar, viaggiando anche in 1° classe ed in business.

Il 15 ottobre 2011 all’on. Michela Vittoria Brambilla, quale “primo tra i ministri italiani ad aver messo i diritti animali costantemente nell’agenda di Governo e Parlamento”, è stato assegnato il premio San Francesco 2011-Città di Genova, giunto alla decima edizione.

Il 23 gennaio 2013 l’on. Brambilla ha ricevuto il prestigioso premio internazionale “Un bosco per Kyoto”, assegnato dall’Accademia Kronos, “per il suo costante impegno nel difendere la vita e la dignità degli animali che, insieme con gli umani, hanno diritto a vivere su questo pianeta”.
Il 29 giugno 2013 ha ritirato il riconoscimento “Testimone dell’ambiente”, assegnato dalla giuria di “Acquiambiente”, per aver contribuito “con iniziative concrete” a consolidare “un’etica rispettosa degli animali e dell’ecosistema”.

Il 4 dicembre 2012 è uscito ” Manifesto Animalista”, il libro scritto da Michela Vittoria Brambilla per affermare i diritti degli animali.
Tutti i diritti d’autore sono destinati ai nostri piccoli amici in difficoltà.

Michela Vittoria Brambilla è “Veg” e vive con 16 cani, 40 gatti, 3 cavalli, 1 minipony, 2 asini, 2 daini, 7 capre, 3 galline e circa 250 piccioni.

Rassegne stampa

siti amici