Category Archives: Lettere

Complimenti ed auguri vivissimi alla Signora Brambilla e a tutti gli aderenti ai Circoli della Libertà. Abbiamo bisogno di volti nuovi ma specialmente giovani, lontano dalle idee e dagli ideali vetusti e fatiscenti di un comunismo che, pur avendo sempre perso le sue battaglie, stenta a morire. Io non sono più giovane ma spero molto in voi. Coraggio, dateci dentro!
Ferdinando

Sono stanco di ascoltare i soliti politici, grandi esperti di economia e di politiche sociali che promettono di andare incontro ai problemi delle famiglie con figli. Ma atti concreti non ne vedo. Un esempio? Sono un dipendente pubblico, idem mia moglie (precaria nella sanità da 17 anni). Siamo infermieri professionali e lavoriamo su turni. Abbiamo due bimbi che frequentano la scuola elementare e siamo costretti perciò ad usufruire di un istituto privato che permette l’ingresso degli alunni anche prima delle ore 7 e l’uscita dopo le ore 14, il tutto alla modica cifra di circa 500 euro mensili che gravano sul bilancio familiare come un secondo mutuo casa. Tutto ciò accade perché non esiste nella mia zona di residenza (provincia di Catania) un solo istituto pubblico che effettui un orario adeguato alle esigenze di tanti lavoratori che versano alle casse dello Stato senza alcuna ombra di dubbio, oltre il 50% del proprio stipendio. Basterebbe impiegare dei lavoratori che potrebbero essere pagati con un contributo versato da chi usufruisce di tale servizio. Credo che azioni di questo tipo, molto semplici, che non comportano spese aggiuntive a carico degli istituti scolastici, possano fornire un serio aiuto alle famiglie. Perché non tutti abbiamo gli stipendi da parlamentari!
Via e-mail

Che emozione quando ho sentito che erano stati depositati logo e simbolo del Partito della Libertà! Non so se e quando questo partito inizierà a lavorare. So solo che spero che questo avvenga presto. Nel nostro paese c’è tanto bisogno di persone giovani e pulite. Basta con le logiche degli interessi, delle raccomandazioni, delle clientele. Vivo in una città del sud e da anni sto cercando di superare un concorso universitario. Ma non ci riesco. C’è sempre qualcuno, meno preparato di me, che mi supera. Poi, però, se girate tra i corridoi delle università, vedete che i cognomi dei docenti e degli assistenti affissi sulle porte sono più o meno sempre quei due o tre. Tutti parenti! E’ una vergogna!! Avanti, cambiamo le cose. Qualcuno dirà che sono un idealista, ma non ne posso più. Questo paese ha mille risorse, riprendiamocelo in mano. Facciamo in modo che la meritocrazia vinca sulle raccomandazioni!!
Carmelo

Cara presidente Brambilla, leggo i giornali, la seguo nelle sue partecipazioni televisive e penso che lei potrebbe essere veramente il punto di riferimento per un nuovo partito.
Che l’idea sia sua o del Presidente Berlusconi la ritengo un colpo di genio da mettere subito in atto proiettandola già sulle prossime elezioni (che spero avvengano presto!). Personalmente appartengo alla classe media, ma come dirigente in pensione non riesco a capacitarmi dell’inerzia negativa e dello stallo voluto dalla stessa classe parlamentare. Mi riferisco soprattutto alla “CASTA” che fa sentire il popolo a tutti i livelli impotente e
disgustato dei privilegi accumulati dai Singoli e dalla ingovernabilità parlamentare diventata cronica. Perché ci vuole un nuovo partito di giovani e idealisti? Perché se proponete un programma che faccia veramente il cittadino partecipe e rappresentato
da volti nuovi, puliti ed onesti, penso che avrete tanti voti che nemmeno voi potete immaginare. Avessi qualche anno di meno, mi metterei a disposizione per un tavolo di discussione su cosa fare e quando farlo. Spero e le auguro il successo che si merita.
Alarico

Credo che attorno alla nascita del Partito della Libertà si sia fatto un polverone tanto ridicolo, quanto serio e importante è questo progetto: un progetto in grado di cambiare non solo il futuro politico del centro-destra, ma anche lo scenario di tutta la politica italiana. Non mi stupisco che a guidare questo progetto sia una persona seria e capace come Michela Vittoria Brambilla, che ha dimostrato le sue capacità come imprenditrice e in Confcommercio Nazionale, considerata quasi un’intrusa da tanti professionisti della politica, perché ha il grande torto di portare avanti un progetto di ampio respiro, che supera gli steccati dei partiti tradizionali e si rivolge alla società civile, ai cittadini e alle imprese, ai commercianti e agli artigiani, all’Italia che lavora e che produce e che è sempre più distante dalla politica tradizionale: in quest’ottica credo che il progetto del Partito della Libertà possa rappresentare quel quid in più per il centrodestra, per intercettare un elettorato moderato che non si riconosce più nei partiti tradizionali e non la morte del centrodestra, Forza Italia in primis, come sostiene qualcuno.
Il Partito della Libertà ha anche un altro vantaggio: non nasce come una fusione di apparati, come sta succedendo altrove, ma rappresenta l’inizio di un percorso nuovo, in grado di riavvicinare milioni di italiani alla politica.
Rino

Abito in una cittadina del centro Italia, governata, salvo brevi interruzioni, da giunte di sinistra ormai da decenni. In questo lungo arco di tempo, questi signori sono riusciti a costruire una fitta rete clientelare dalla quale non si può sfuggire se si desidera trovare o cercare lavoro. Chi non è inserito all’interno di questa rete clientelare rischia la completa emarginazione. Come me. È molto difficile vivere con uno stipendio mensile di circa 500 euro, e lo è maggiormente quando mi ricordo di essere laureato con lode e di essere un assistente volontario presso un’università, dalla quale non ricevo nemmeno un rimborso spese.
Franco

Si parla tanto della riforma delle pensioni, ma perché non si parla mai delle pensioni d’oro dei politici e dei burocrati statali? Perché con sole due legislature deputati e senatori ottengono il diritto alla pensione? Secondo me dovrebbero prendere solo i contributi pensionistici legati al ruolo istituzionale per gli anni in cui svolgono l’attività. Diminuire i costi della politica? Iniziamo dalle pensioni d’oro di senatori e deputati, mettiamo un tetto alle pensioni milionarie di ex presidenti ed ex governatori.
Via e-mail

Gentile presidente, le scrivo in qualità di presidente di asso-vittime, associazione dei parenti delle vittime della criminalità organizzata. Martedì 18 settembre, abbiamo svolto a Roma, Piazza Montecitorio, una civile manifestazione, con lo scopo di sensibilizzare la camera ad approvare un progetto di legge che restituisca dignità alla suddetta categoria e per sollecitare il governo a recuperare i fondi per risarcire le famiglie. Sicuro che la vostra sensibilità vi porterà ad esserci vicini.
Giuseppe

Cari amici, se una parte politica si preoccupa del “fenomeno Grillo”, vuol dire che siamo alla frutta. Nelle sue prediche di piazza non si ascolta nulla di originale o di rivoluzionario, solo demagogia retorica e idee utopistiche. Il sig. Beppe Grillo vuole mettere fuori gioco la politica reale per sostituirla con la sua… irreale, per fortuna la maggior parte degli Italiani continua a considerarlo un retorico demagogico comico.
Luciano

Speriamo che presto arrivi Robin Hood che mandi a casa i “rapinatori” fiscali e si occupi di crescita e sviluppo. Sono un imprenditore e manager, credo che l’iniziativa dei Circoli sia importante e non escludo di attivarmi per costituirne uno!
Bernardo