Lettere

LA MIA IDEA SULL’ICI

Pubblicata il 14 ottobre 2009

Ormai siamo cosi tartassati che la gente non sa più a quale santo rivolgersi. Giorni fa, mi sono imbattuto nel sito di Unione Inquilini, e con mia grande sorpresa indovinate cosa ho trovato? Stanno raccogliendo le firme per l’abolizione del ICI sulla prima casa. Possibile mi sono chiesto; noi che dovremmo fare la rivoluzione liberale, ci facciamo superare da questi campioni della sinistra? Cosa aspettiamo a lanciare noi la stagione referendaria?
Abbiamo iniziato con i ticket di pronto soccorso, perché non quello sull’ICI?
Vogliamo veramente vincere queste elezioni amministrative, bene dobbiamo fare qualcosa per i cittadini, perché loro, mi riferisco al centrosinistra, questa tassa la vorrebbero mantenere per altri 50 anni, cosi che i loro amici, lega delle cooperative e consulenti loro fiancheggiatori, potranno arricchirsi sempre più.
L’addizionale IRPEF regionale e comunale è INCOSTITUZIONALE, i lavoratori dipendenti già gli viene decurtata dalla busta paga. Vogliamo vincere a GENOVA? allora facciamo queste proposte, dopo voglio vedere quanti voteranno per loro. Ditelo ai nostri amici del circolodellaliberta di quella città.
La tassa sui rifiuti, dopo modificarla, invece che sui metri quadri, deve essere per famiglia, e quella al di sotto dei 30.000 euro esentate. Facciamo queste proposte e dopo vediamo come reagiscono.
Via e-mail