Vai a: COPERTINA, AMBIENTE.

Sono in politica per
realizzare ciò che
credo giusto, altrimenti
mi sarei accontentata
di sognare.

News

bramprogramma1

MOVIMENTO ANIMALISTA, ON. BRAMBILLA: “UN’AGENDA PER UN’ITALIA MIGLIORE”

Pubblicata il 6 ottobre 2017

Introdurre nuove tutele per gli animali, difendere l’ambiente, ma anche sconfiggere la povertà assoluta, che affligge 4,7 milioni di italiani, intensificare ovunque l’impegno dell’Italia per la pace, fondere i dicasteri dell’Ambiente e delle Infrastrutture in un “ministero della Sostenibilità”. Sono alcuni obiettivi delle linee programmatiche del Movimento animalista per le prossime politiche, illustrate questo pomeriggio a Milano dal presidente nazionale on. Michela Vittoria Brambilla. “Non cadiamo – afferma – nell’equivoco del partito tematico, la nostra offerta politica è per tutti”.

Oltre alla missione esplicitata già dal nome, la tutela degli animali e dell’ambiente, il Movimento presenta un programma generalista come qualunque forza che si candidi a determinare la politica nazionale. “L’abbiamo chiamato – spiega l’on. Brambilla – “Agenda per un’Italia migliore” e si può leggere, secondo me, attraverso una parola-chiave che purtroppo sembra caduta in disuso: rispetto. Rispetto degli animali, rispetto dell’ambiente, rispetto della vita in tutte le sue forme, rispetto delle persone, dei loro diritti e delle loro scelte, rispetto della nostra cultura e di quella altrui, rispetto delle leggi, rispetto della volontà degli elettori”.

Punto focale delle linee programmatiche, che saranno approfondite nelle prossime settimane da appositi comitati tematici, sono i capitoli dedicati agli animali, in buona parte corrispondenti a progetti di legge già depositati dall’on. Brambilla nel corso della legislatura. Tra queste iniziative animaliste, circa una trentina, spiccano la proposta di riconoscere in Costituzione gli animali come esseri senzienti, titolari di alcuni elementari diritti, e quella di apportare consequenziali modifiche al codice penale e civile. Nel capitolo ambiente si segnalano la lotta al dissesto idrogeologico e le bonifiche dei siti inquinati, da considerare come assoluta priorità nazionale, con un rinnovato impegno per la gestione delle acque e del territorio; un vero rilancio della aree protette; l’affermazione concreta del principio “chi inquina paga”; l’ipotesi di creare un “ministero della Sostenibilità” con una funzione di “filtro”, rispetto alle proposte degli altri ministeri, simile a quella che oggi ha il ministero dell’Economia.

“Nella parte “generalista” – prosegue l’ex ministro -gli argomenti sono comunque affrontati secondo la medesima ottica culturale, con una particolare attenzione ai soggetti più deboli, a valori come la vita e la pace. Sosterremo tutte le misure volte a debellare la povertà assoluta, che marginalizza fasce consistenti della popolazione. Noi siamo per una terza via tra il reddito di cittadinanza, eticamente discutibile e finanziariamente insostenibile, e il reddito di inclusione varato dal governo, che raggiungerà al massimo un decimo della platea bisognosa d’aiuto. Nei tavoli tematici studieremo una forma di integrazione al minimo che a regime interesserà comunque tutti i cittadini al di sotto di una certa soglia di reddito annualmente predeterminata. Proponiamo misure per applicare le buone leggi che abbiamo sui portatori di handicap, per favorire il lavoro femminile, per punire più severamente la violenza contro le donne, contro i minori, contro i disabili, per ridurre ragionevolmente i costi della politica. Non solo animali e ambiente, insomma, ma una raccolta di idee che possono interessare anche chi ha priorità diverse dalle nostre”.

A neanche cinque mesi dalla fondazione, il Movimento è in ottima salute, grazie alle adesioni da aree politiche diverse (che ne confermano la trasversalità) e per lo spazio che ha saputo conquistarsi sui media. La strutturazione sul territorio può dirsi completa e il radicamento prosegue. Non meno importante e forte è la nostra presenza sul web: non solo con il sito istituzionale www.movimentoanimalista.it, ma con pagine sui social network, che danno voce alle articolazioni locali del Movimento e allo stesso tempo “fanno rete”.

Rassegne stampa