Vai a: COPERTINA, AMBIENTE.

Sono in politica per
realizzare ciò che
credo giusto, altrimenti
mi sarei accontentata
di sognare.

News

bannergiusto

SCHIVENOGLIA (MANTOVA), NO AL MAXIALLEVAMENTO DI SUINI. ON. BRAMBILLA: “BATTAGLIA VINTA”

Pubblicata il 26 settembre 2017

“Una battaglia vinta, grazie alla sensibilità dei cittadini e all’impegno dei dirigenti locali del Movimento animalista”. Così la presidente nazionale, on. Michela Brambilla, commenta l’affermazione del No nel referendum che si è tenuto ieri a Schivenoglia (Mantova) sull’insediamento nel territorio comunale di un maxiallevamento di suini della Biopig (oltre 10 mila posti).

“Era assurdo – osserva l’on. Brambilla – prendere in considerazione un impianto del genere, come ha fatto l’amministrazione comunale, su un territorio che conta poco più di mille abitanti umani e già otto mila maiali allevati. Coerentemente con il nostro programma, noi del Movimento animalista continueremo ovunque a batterci contro l’insediamento di questi “mostri”, veri templi della sofferenza animale, ad altissimo potenziale inquinante”.

“Quella contro l’allevamento Biopig è una grandissima vittoria, per cui dobbiamo festeggiare”, ha commentato Elena Arcese, responsabile locale del Movimento animalista. “Dopo mesi di battaglie e assemblee pubbliche siamo finalmente riusciti a scongiurare l’apertura di un maxiallevamento di maiali con annesso impianto inquinante a biogas per la produzione elettrica. Il tutto in una zona come la Pianura Padana che è fra le regioni più inquinate d’Europa non solo per il traffico veicolare ma anche per gli allevamenti intensivi di cui il Mantovano è pieno. I produttori di carne si rassegnino: la sensibilità dei cittadini sui temi del benessere animale e dell’inquinamento migliora ogni giorno di più”.

Il referendum riguardava, indirettamente, anche l’ex latteria di Schivenoglia. Infatti Biopig aveva concordato con l’amministrazione che, se il progetto fosse andato in porto, l’azienda si sarebbe occupata dell’acquisizione e bonifica del sito, dove si trovano circa 1.500 maiali. Allevamento che Arcese non esita a definire “lager” e per il quale ha chiesto e ottenuto anche controlli da parte dell’Asl e delle forze dell’ordine.

Rassegne stampa