Vai a: COPERTINA, POLITICA.

Difendere l'ambiente
e gli animali, vuol dire
scrivere i primi articoli
di un nuovo trattato di pace
tra gli uomini e la Terra.

ambiente

ANIMALI: ADDIO A NEBBIA, IL”GIGANTE BUONO” SCAMPATO ALL’INIEZIONE LETALE. IL RICORDO DELLA LEIDAA

Pubblicata il 7 Giugno 2022

Nei giorni scorsi, dopo aver lottato due giorni contro la morte, ci ha lasciato un vero eroe a quattro zampe, Nebbia, il meticcio maremmano giudicato “irrecuperabile” perché “mordace”, condannato alla soppressione nel canile di Donnici (Cosenza), e poi sottratto da LEIDAA all’iniezione letale. Il percorso di recupero a Borgotaro (Parma) gli aveva donato una nuova vita, a tutti Nebbia è apparso com’era veramente: un gigante buono. E l’ha confermato con il suo ultimo atto. Martedì 31 maggio passeggiava con la sua amica umana, l’educatrice che lo seguiva, e, probabilmente per proteggerla, ha attaccato una vipera nascosta tra l’erba. Il serpente è morto, ma Nebbia è stato morso più volte. Immediatamente soccorso e ricoverato in terapia intensiva, dove i veterinari hanno fatto tutto il possibile per salvarlo, se n’è andato in una giornata di giugno, quasi un anno esatto dopo la liberazione dal “box della morte”.

Quella di Nebbia è una storia che merita di essere raccontata. A Cosenza avrebbe pagato con l’eutanasia colpe non sue. Su richiesta della locale sezione LEIDAA, e con il pieno sostegno della presidente nazionale on. Michela Vittoria Brambilla, l’Azienda sanitaria provinciale aveva infine deciso di “graziare” Nebbia e di consegnarlo all’associazione che a sua volta lo aveva affidato ad un centro specializzato nel recupero di cani considerati “difficili”. Per ottenere la sospensione della sentenza di morte, richiesta da nel settembre 2020, e successivamente l’autorizzazione al trasferimento, ci sono voluti nove mesi di traversie burocratiche. Decisive sono state la disponibilità del sindaco del Comune di Parenti (proprietario del cane dopo il sequestro) e la costante pressione di LEIDAA che ha commissionato una convincente controperizia per dimostrare la “recuperabilità dell’animale” attraverso un corretto percorso riabilitativo”.

Nebbia era una vittima: è stato per anni isolato in una baracca e tenuto alla catena, con un gancio che feriva la zampa anteriore destra, da un soggetto “ostile”, al quale il cane è stato prima sequestrato e poi confiscato. Con la perizia di un veterinario comportamentalista, richiesta dall’autorità sanitaria, fu riscontrata “alta pericolosità in ambito di gestione”, pronunciata “prognosi infausta” e consigliata la soppressione. In realtà l’aggressività di Nebbia era la reazione ad eventi e situazioni che l’avevano profondamente traumatizzato.

“Questa storia commovente – commenta l’on. Brambilla – conferma ciò che ho sempre pensato: non esistono razze di cani “pericolose”, solo cani addestrati per diventare pericolosi o lasciati a se stessi da proprietari negligenti. Esattamente come un essere umano che ha subito abusi, Nebbia aveva bisogno di recuperare fiducia. Ci volevano affetto, buona volontà e l’impegno di un educatore esperto. Li ha avuti. La sorte gli ha impedito di vivere, ma non di manifestare il suo carattere forte e generoso. Addio Nebbia, buon riposo”.

Per sostenere LEIDAA, che ogni giorno opera in favore degli animali abbandonati, fino all’11 giugno puoi inviare un sms solidale al numero 45594 o chiamare da rete fissa.

Il video dedicato a Nebbia è scaricabile al link https://drive.google.com/file/d/1usEsNQAUz31y-KKBK0MVpbbaNL542nBx/view?usp=sharing e visibile al link https://www.youtube.com/watch?v=iYSe4KoI3pg

Rassegne stampa


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/vhosts/michelavittoriabrambilla.it/httpdocs/wp-content/themes/mvb2/slide-stampa.php on line 7
siti amici