Vai a: COPERTINA, POLITICA.

Difendere l'ambiente
e gli animali, vuol dire
scrivere i primi articoli
di un nuovo trattato di pace
tra gli uomini e la Terra.

News

IL SALVATAGGIO DI UN PICCOLO DI GERMANO MALTRATTATO E LA SPETTACOLARE LIBERAZIONE DI TRE AIRONI CENERINI DA PARTE VOLONTARI DEL CRAS “STELLA DEL NORD”

Pubblicata il 3 Novembre 2021

Le loro storie in prima tv domenica 7 novembre alle 10.55 su Rete4 a “Dalla Parte degli Animali”

Sarebbero sicuramente morti tre aironi cenerini e due germani reali, di cui uno gravemente maltrattato, e invece ora sono tutti in salute grazie ai veterinari e ai volontari del Cras (Centro recupero animali selvatici) “Stella del Nord” della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente. Persone che, ogni giorno, si dedicano anima e corpo alla protezione degli animali. Le loro vicende saranno narrate a “Dalla Parte degli Animali”, la trasmissione ideata e condotta dall’on. Michela Vittoria Brambilla, che è anche presidente di LEIDAA, in onda domenica 10 ottobre, alle 10.55 su Rete4.

La prima storia riguarda Freddy, pulcino di germano reale, che una persona senza coscienza ha preso e trattato come un giocattolo: il risultato è che il suo piccolo becco si è stortato e non tornerà mai più come prima. “Nonostante la terribile malvagità di questi soggetti che non meritano nemmeno di essere definite persone – dice l’on. Brambilla – Freddy si è ripreso dopo che ce ne siamo presi cura come facciamo, ogni giorno, con tanti animali sfortunati cui dedichiamo tutte le attenzioni che daremmo a un animale domestico”.

La seconda storia riguarda tre aironi cenerini rimasti senza la loro mamma che, sulle rive del lago, sarebbero morti. Quando sono arrivati al Cras erano molto piccoli, malati e sotto stress da non reggersi sulle proprie zampe: i nostri veterinari, per risollevarli, li hanno dovuti trattare con vitamine iniettabili. Ribattezzati Qui, Quo, Qua – come i simpatici ma dispettosi nipoti di Paperino – i tre sono cresciuti anche grazie alle amorevoli cure delle volontarie e, al momento opportuno, sono stati liberati nel loro luogo natale, i corsi di acqua dolce della provincia di Lecco, dove vivranno il resto della loro vita liberi e felici. Simile la storia di una femmina di germano reale portata al Cras che non volava e aveva la coda ferita: dopo essere curata amorevolmente è stata liberata nella sua zona d’origine.

“La fauna selvatica – dice l’on. Brambilla – è un patrimonio di tutti noi eppure in questo paese non è conosciuta ed è troppo spesso perseguitata. Per questa ragione è nato il primo Cras della LEIDAA “Stella del Nord” e all’interno della mia trasmissione hanno grande spazio anche i meravigliosi animali selvatici. Storie come quella del germano Freddy e degli altri animali salvati – prosegue – servono a richiamare l’attenzione sull’importanza di tutelarli: tutti gli animali sono uguali e hanno pari diritti e non è quindi accettabile alcuna forma di maltrattamento su qualsiasi specie. Troppe persone tendono ancora a trovare differenze, a voler tutelare gli animali “domestici” e a prestare poca o nessuna attenzione ai selvatici, per non parlare di quelle istituzioni che, al minimo problema, pensano di risolvere la questione con piano di “eradicazione”. Ciò che vogliamo far capire a tutti è che i germani, gli aironi, così come gli altri uccelli acquatici e gli altri animali selvatici vanno tutelati e rispettati e mai maltrattati o uccisi”.

Rassegne stampa


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/vhosts/michelavittoriabrambilla.it/httpdocs/wp-content/themes/mvb2/slide-stampa.php on line 7
siti amici