Vai a: COPERTINA, POLITICA.

Difendere l'ambiente
e gli animali, vuol dire
scrivere i primi articoli
di un nuovo trattato di pace
tra gli uomini e la Terra.

Attività

LA FEDERAZIONE ITALIANA ASSOCIAZIONI DIRITTI ANIMALI E AMBIENTE RINGRAZIA PAPA FRANCESCO “PER L’APPASSIONATO RICHIAMO ALLE RESPONSABILITA’ DELL’UOMO VERSO IL CREATO”. BRAMBILLA E GLI ANIMALISTI A SAN PIETRO PER IL PROSSIMO ANGELUS.

Pubblicata il 19 Marzo 2013

Quello di Papa Francesco è stato un appassionato richiamo alla responsabilità dell’uomo – e in particolare di chi detiene il potere politico, sociale ed economico – verso l’intero creato. Un invito non certo estraneo alla storia della Chiesa, ma che forse non è mai risuonato con tanta forza e tanta convinzione. La Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente ringrazia il sommo Pontefice, nel giorno in cui ufficialmente prende avvio il suo ministero, per aver esortato “tutte le donne e gli uomini di buona volontà”, e soprattutto i potenti, a custodire “il disegno di Dio iscritto nella natura” e a non seminare “morte e distruzione” durante il nostro passaggio su questa terra. In piena armonia con la spiritualità di San Francesco d’Assisi, il cui nome ha scelto di portare, Sua Santità ha inviato un messaggio allo stesso tempo profondo e chiaro, toccante e inequivocabile, diretto con altrettanta efficacia anche ai non cristiani e ai non credenti. “In fondo – ha detto Papa Francesco – tutto è affidato alla custodia dell’uomo, ed è una responsabilità che ci riguarda tutti”.
“Le parole del Pontefice – si augura l’on. Michela Vittoria Brambilla in rappresentanza della Federazione – siano motivo di speciale riflessione per governanti e legislatori che hanno finora subordinato ad altri interessi la fondamentale esigenza di tutelare l’ambiente e i diritti degli animali e che spesso liquidano con sufficienza le istanze di chi invoca più rispetto per il pianeta e più empatia, più comprensione e più giustizia per tutti gli esseri viventi. Rifletta anche chi, magari in nome di una mal intesa religiosità, continua a praticare tradizioni crudeli e superate, di cui non c’è traccia nel Vangelo, come quella di consumare a Pasqua carne di agnello”. Per invitare tutti ad accogliere l’appello del sommo Pontefice al rispetto di ogni creatura – innanzitutto risparmiando proprio la vita delle migliaia di agnelli pasquali nelle prossime festività – e per manifestare direttamente gratitudine al Papa, una delegazione della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente sarà a piazza San Pietro in occasione del prossimo Angelus.

Rassegne stampa

siti amici