Vai a: COPERTINA, POLITICA.

Difendere l'ambiente
e gli animali, vuol dire
scrivere i primi articoli
di un nuovo trattato di pace
tra gli uomini e la Terra.

News

LEIDAA PER EMERGENZA COVID-19, AL VIA LA CAMPAGNA DI RECLUTAMENTO DI NUOVI VOLONTARI IN TUTTO IL PAESE

Pubblicata il 29 Novembre 2020

“Unisciti a noi!”, è l’invito che l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, rivolge a tutti coloro che amano gli animali e vogliono dedicare il proprio tempo a quelli delle famiglie colpite dalla pandemia. L’invito è rivolto anche attraverso le immagini e le testimonianze raccolte in un emozionante video scaricabile al link https://drive.google.com/u/0/uc?id=19xM8LxXyR6armJ9a0gRYlOorL8aGcXI7&export=download e visibile al link https://www.youtube.com/watch?v=zLBKsMY9JEA.

“L’iniziativa “Leidaa per emergenza Covid-19” – spiega l’ex ministro – è in pieno svolgimento e impegna a fondo tutti i nostri volontari in un compito nobile, al servizio del Paese. Chi volesse darci una mano, e mettersi a disposizione per accudire con noi gli animali di chi oggi non può occuparsene, è benvenuto. Siamo in prima linea”.

Dare la propria disponibilità è facile. Basta scrivere a segreteria@leidaa.info (www.leidaa.info) o chiamare il numero 02-94351244. Com’è noto, fin dalla scorsa primavera Leidaa è a disposizione di tutti coloro che convivono con un animale d’affezione e si trovano in quarantena, in isolamento domiciliare o ricoverati. “Chi è stato colpito dal Covid-19, direttamente – ricorda l’on. Brambilla – o indirettamente perché si sono ammalati i suoi cari ha spesso serie difficoltà a gestire gli animali da compagnia. Basti pensare alla situazione dei positivi in quarantena, a volte interi nuclei familiari, che non sanno a chi affidare il proprio cane per farlo uscire per le quotidiane passeggiate o per portarlo dal veterinario. Il problema si aggrava se le persone vengono ricoverate e gli animali restano improvvisamente soli, e diventa drammatico quando i pazienti perdono la battaglia col Covid”.

Giorno dopo giorno nuovi volontari si uniscono a questo nobile esercito a disposizione di chi soffre: “Vogliamo togliere alle persone che vivono l’angoscia della malattia almeno la preoccupazione di provvedere ai propri piccoli amici. A loro pensiamo noi”, conclude l’on. Brambilla.

TRE STORIE DI GENEROSITÀ

Raffaella – La prima volontaria di cui raccontiamo la storia abita a Catania: ha conosciuto l’associazione grazie a un articolo del “Corriere della Sera” e ci ha contattati tramite i social network. Subito è stata presentata alla nostra responsabile cittadina, Alessandra Pitanza, e poco dopo ha avuto il “battesimo di fuoco” sul campo. Oggi Raffaella – con tutte le protezioni per evitare il contagio – si prende quotidianamente cura di Milly e Lea, due cani di una famiglia in quarantena per Covid-19. Con loro ha subito creato un fantastico rapporto, come potete vedere nel video di seguito https://youtu.be/c8WdFNW_nkw.

Katia – La storia di Katia, che vive a Milano, inizia con l’adozione di Bijoux, una cucciola dolcissima che ha perso il suo proprietario a causa del Covid-19. Dopo averla conosciuta, Katia se n’è innamorata e ha deciso di prenderla con sé, come potete vedere in questo emozionante video https://youtu.be/v57M3zwoSEk. Una decisione importante seguita subito da un’altra, ancora più significativa: Katia ha infatti deciso di entrare a far parte della grande famiglia LEIDAA, diventando volontaria. “Ho potuto constatare quanto fate e quanto amore date, così ho deciso di fare lo stesso anche io. Consiglio a tutti vivamente questa associazione”, ha detto. A distanza di pochi giorni Katia è già operativa sul territorio: porta dei cani a passeggio e provvede a tutte le loro esigenze.

Marina – Non solo adottanti ma anche persone che hanno ricevuto aiuto per il proprio cane mentre erano malate di Covid-19 o in quarantena e, una volta guarite, hanno deciso di rendersi a loro volta disponibili per aiutare persone e animali in difficoltà. La terza storia arriva dall’Abruzzo e ha come protagonista Marina, “mamma” di Nocciolina, che ha deciso di diventare volontaria della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente. “Sono stata davvero contenta di come i volontari si sono presi cura della mia Nocciolina mentre ero in quarantena: un gesto di solidarietà così inaspettato mi ha reso molto felice e ora ho deciso di ricambiare, donando il mio tempo ad un’altra famiglia in difficoltà”. La sua storia è raccontata qui https://www.youtube.com/watch?v=tLxVtDAI2S4.

Rassegne stampa

siti amici