Vai a: COPERTINA, POLITICA.

Difendere l'ambiente
e gli animali, vuol dire
scrivere i primi articoli
di un nuovo trattato di pace
tra gli uomini e la Terra.

Attività

TRAFFICO ILLEGALE DI CUCCIOLI, L’ON. BRAMBILLA PLAUDE AL SEQUESTRO DI 24 ANIMALI EFFETTUATO DALLA SUA ASSOCIAZIONE ANIMALISTA LEIDAA CON GDF

Pubblicata il 22 Gennaio 2013

L’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente (Le.I.D.A.A), ringrazia il comandante provinciale di Torino Gen. Gerli e l’intera Guardia di Finanza che, insieme con il responsabile del settore maltrattamenti della sua associazione animalista Antonio Colonna, ha portato a termine un’importante operazione a Torino, conclusa con il sequestro di 24 cuccioli importati dall’est (Ungheria e Slovacchia) non in possesso dei requisiti di legge, detenuti in tre negozi di animali. “La nostra Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente – spiega l’ex ministro del turismo – é da sempre in prima linea per contrastare questi reati ai danni di piccole creature indifese e sono felice che anche questa ultima operazione a Torino, come la precedente da noi promossa nel Salernitano, abbia potuto contare sul prezioso sostegno delle Forze dell’Ordine e abbia consentito di mettere in salvo i cagnolini”. L’on. Brambilla sottolinea, inoltre, l’efficacia repressiva della legislazione introdotta sotto il IV governo Berlusconi per contrastare il traffico illecito di animali da compagnia provenienti soprattutto da paesi dell’est europeo: un grave fenomeno zoomafioso, condotto da delinquenti spesso molto pericolosi, che genera un giro d’affari di circa 300 milioni l’ anno. “A poco più di due anni dall’entrata in vigore – osserva la parlamentare, capolista del Pdl in Emilia-Romagna -la norma contenuta nella legge di ratifica della convenzione europea sulla protezione degli animali da compagnia si e’ dimostrata un prezioso strumento di tutela per gli animali e di garanzia per gli stessi compratori, spesso ingannati da commercianti senza scrupoli”. L’applicazione pratica suggerisce, pero’, almeno una modifica: portare a 5 mesi, invece degli attuali 3 mesi e 21 giorni, l’ età minima dopo la quale e’ lecito importare cuccioli nel nostro Paese. A tre mesi e tre settimane, infatti, sta spuntando la dentatura permanente e quindi e’ difficile stabilire l’ eta’ degli animali. “Un promemoria per la prossima legislatura”‘, conclude l’ex ministro. Tra i cuccioli, strappati precocemente alla madre e spesso imbottiti di farmaci, la mortalità durante i massacranti viaggi può essere elevatissima, fino al 50 per cento.

Milano, 22 gennaio 2013

Rassegne stampa

siti amici