Vai a: COPERTINA, AMBIENTE.

Sono in politica per
realizzare ciò che
credo giusto, altrimenti
mi sarei accontentata
di sognare.

News

“BRAMBILLA: “UNA POLITICA VERA PER IL TURISMO ITALIANO”

Pubblicata il 3 Luglio 2008

“Una cabina di regia per il turismo che vede Stato e Regioni lavorare insieme per arrivare a produrre, in pochi anni, altri due o tre punti di Pil (cioè tra 30 e 45 miliardi di euro circa) grazie a un settore, quello dell’industria turistica, che, nel suo insieme, produce già oltre l’11% del Prodotto interno lordo.
Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega al Turismo, Michela Brambilla, insieme col premier Silvio Berlusconi e col neo presidente dell’Ente nazionale per il turismo, Matteo Marzotto, ha enumerato ieri le azioni già in atto e quelle che intende realizzare al più presto per rimettere in pista il settore. A partire dal nuovo criterio per l’attribuzione delle stelle alle strutture di ricezione.
Il turismo italiano dovrà «produrre in cinque anni altri due o tre punti di Pil» andando oltre l’11% attuale «se sarà messo a sistema». «L’attuale bilancia commerciale è in attivo di 10 miliardi – ha affermato Brambilla – che possono anche quadruplicare».
Il sottosegretario punta decisa alla «rinascita di una politica vera per il turismo italiano», a partire dalla riorganizzazione dell’Enit che dovrà rappresentare uno dei «motori della ripresa», in grado di far riconquistare le posizioni perse dall’Italia (al quinto posto) in campo internazionale. «Faremo in modo che ad ogni euro speso in strutture turistiche – ha detto Brambilla – dovrà corrispondere un nuovo turista straniero in Italia o un turista italiano che decida di fare le vacanze nella sua terra».
L’Enit sarà il punto di cerniera tra la promozione turistica e il brand made in Italy. «Deve diventare una sorta di radar, o non servirà a nulla ha detto il sottosegretario -. E va rivisto l’impianto delle campagne promozionali perché o funzionano come magneti o sono superflue e inutilmente costose. C’è un rebus che i nostri operatori di marketing all’estero devono farci capire – ha concluso – Perché l’85% dei turisti internazionali sono attratti dall’Italia, ma di questo 85% solo il 35% decide di venire da noi».

Dario C. Nicoli, Nazione – Carlino – Giorno, 3 luglio 2008

Rassegne stampa


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/vhosts/michelavittoriabrambilla.it/httpdocs/wp-content/themes/mvb2/slide-stampa.php on line 7