Vai a: COPERTINA, AMBIENTE.

Sono in politica per
realizzare ciò che
credo giusto, altrimenti
mi sarei accontentata
di sognare.

News

MVB7

CON MEDAIL SCOMPARE UN UOMO DI GRANDISSIMO VALORE

Pubblicata il 14 Febbraio 2011

“La scomparsa di Giorgio Medail, caro amico e uomo di grandissimo valore, rappresenta una grave perdita per chi, come me, ha avuto il privilegio di conoscerne le qualità umane e professionali”.
Con queste parole il ministro del Turismo, on. Michela Vittoria Brambilla, ricorda la figura di Giorgio Medail, giornalista, scrittore, autore televisivo e dirigente della struttura per il rilancio dell’immagine dell’Italia presso il Ministero del Turismo, mancato la notte scorsa nella sua abitazione di Milano.
“La sua grande creatività, la sua ricchezza interiore, la profondità di sentimenti, l’innovazione che ha saputo portare nel mondo del giornalismo, la sua passione ed il suo amore infinito per l’Italia rimarranno. Fino all’ultimo, mentre lottava con una gravissima malattia, ha dato alla valorizzazione dell’immagine dell’Italia il suo straordinario contributo di intelligenza e dedizione, con importanti risultati per i quali tutti dobbiamo essergli grati. Giorgio Medail rappresenterà sempre un esempio per tutti”.

LA VITA DI GIORGIO MEDAIL

Nasce a Dolo (Venezia) il 4 settembre 1945. Nel 1972 si laurea in architettura all’Università di Venezia.

Nel 1975/76 gestisce la piccola emittente televisiva via cavo “Telemilano” nel quartiere di Milano2 realizzato dall’Edilnord (Gruppo Fininvest) di cui cura la comunicazione.

Nel 1978 è curatore di tutti i programmi di Telemilano Canale 58 (che trasmette a Milano e dintorni) da cui poi nascerà Canale5.
Conduce con Massimo Inardi “L’Uomo e L’ignoto” (1978).
Conduce e realizza circa 80 puntate de “L’intervistatore mascherato”, programma quotidiano di dialogo con la gente (Telemilano 1979/80).
Nel 1981 realizza centinaia di servizi per “Buongiorno Italia” tra cui 300 puntate sulla cucina in Italia.

Tra il 1983 e il 1985 segue tutti i viaggi all’estero del Presidente del Consiglio Craxi realizzando numerosi speciali news per Canale 5. Tra i tanti “L’Italia vista dall’America” (con riprese per due volte alla Casa Bianca alla presenza del presidente Reagan). E’ il primo giornalista TV ad entrare con troupe televisiva nelle stanze private del Kremlino subito dopo l’elezione di Gorbaciov, realizza un reportage sulla fine della dittatura in Argentina filmando a Buenos Aires l’incontro alla Casa Rosada col nuovo Presidente Alfonsin.
Reailzza inchieste filmate in Somalia, Giappone, Brasile, Cina ecc. sempre per Canale 5.

Nel 1985 realizza e cura insieme ad Emilio Carelli la prima edizione del settimanale politico “Parlamento In” (Retequattro).

Cura e conduce molti programmi news su Canale5 che cercano di accendere i riflettori sui temi del mistero. Tra i titoli:
Italia Misetriosa (1986)
I misteri della notte (1987/91). Realizzato in tutte le principali metropoli del Mondo.
Off Limits (1988)
I misteri dell’estate (1988)
Arcana (1989) la dimensione magica dell’uomo (Brasile, Haiti, Stati Uniti, Inghilterra, Italia).

Dal 1985 al 1989 cura servizi giornalistici di Canale5, realizzando tra l’altro numerosi “Speciale news”.
Come autore e curatore firma, con Giuglielmo Zucconi, “Dovere di Cronaca” (con Indro Montanelli, Giorgio Bocca, Gianni Brera, Jas Gawronsky) e “Sono innocente” (i grandi errori giudiziari).

E’ autore e conduttore della serie “Delitti irrisolti” su Canale 5 (1991).
Ha realizzato e condotto il settimanale “Club Estate” (1990), dedicato alle follie, alla musica dell’estate e al Festivalbar.
E’ autore e curatore di serie di programmi in difesa dei minori come “L’età negata” e “Giardino d’Infamia”.

Realizza e conduce decine di collegamenti in diretta o differita per il programma “TeleMike” su Canale 5 (1991/92/93).
Ha condotto su Italia1 circa 150 puntate di “Qui Italia”, appuntamento quotidiano di interviste con la gente (1993/94).
Ha condotto e ideato “Mai Visto” su Italia1 (1995) programma realizzato con vecchi filmati di magazzino mai andati in onda.

E’ stato ideatore e direttore della testata giornalistica “Ciak” che forniva i servizi di spettacolo per i tre Tg Mediaset (dal 1991 al 98) realizzando migliaia di servizi ogni anno.
E’ stato curatore, con Anna Praderio, del settimanale televisivo di cinema “Ciak” (1990/98). Ha curato il programma “ES” con Daniela Rosati su Rete4 nel 1997/98.
Ha realizzato 25 puntate di “Fatti e misfatti” sugli “X.files italiani” (1998) e circa 35 inchieste su temi vari per il settimanale “Inviato speciale” su Italia 1 (1998/99) Conduce dal 1997 su RTL 102.5, prima radio italiana, la rubrica “Totem” dedicata ai grandi misteri del nostro tempo in diretta tutte le domeniche sere.
E’ stato autore e curatore del programma “Giallo Quattro” condotto con Donatella Raffai (1999).
Ha curato nel 2001 il programma quotidiano “Vox Populi” per Italia1 e nel 2002 ha curato il programma “Arcana” per Rete 4.
Dal 2004 al 2007 ha curato il programma quotidiano “Secondo Voi” (Iotalia1 e Canale 5) condotto da Paolo Del Debbio.
E’ stato vicedirettore del Programma quotidiano “L’Antipatico” (2006/07) condotto da Maurizio Belpietro su Retequattro.
Dal giugno 2007 all’agosto 2008 ha diretto l’emittente televisiva nazionale “La Tv della Libertà”, quattro ore in diretta tutti i giorni con servizi, ospiti, collegamenti, telefonate, rubriche, ecc.

Dall’insediamento dell’attuale Governo Berlusconi e’ stato dirigente della Struttura di Missione per il rilancio dell’immagine dell’Italia presso il Ministero del Turismo con l’importante responsabilità di coordinare le politiche di tutela, valorizzazione e promozione dell’immagine dell’Italia e del Made in Italy nel mondo.

Rassegne stampa