Vai a: COPERTINA, AMBIENTE.

Sono in politica per
realizzare ciò che
credo giusto, altrimenti
mi sarei accontentata
di sognare.

News

BRAMBILLA:”MVB: “IL MIO PIANO PER IL TURISMO”

Pubblicata il 10 Marzo 2008

“Tra gli italiani che vanno in vacanza molti scelgono mete estere più a portata di tasca rispetto alle nostre coste “salate”. Toscana, Sardegna e Sicilia sono diventate un lusso. Il nostro turismo cala a picco, Spagna e Grecia raddoppiano le prenotazioni. A Michela Vittoria Brambilla, sottosegretario del governo Berlusconi, con la delega al turismo, l’ingrato compito di invertire la rotta.
Sottosegretario, dopo il totoministri che l’ha vista seduta su poltrone prestigiose, non è rimasta un po’ delusa?
Niente affatto e per due motivi. Il primo è che, avendo per anni fatto l’imprenditore di prima linea, oltre che il presidente dei giovani di Confocommercio, so bene come procedere per affrontare i problemi di quella grande industria, forse la più grande d’Italia: il turismo. E secondo: se si va a leggere l’elenco delle deleghe e dei poteri che la presidenza del consiglio mi ha assegnato per decreto si accorgerà che il mio ruolo è tutt’altro che secondario.
Il turismo in Italia è purtroppo ancora un argomento di serie B, quando invece gli italiani potrebbero vivere meglio se le risorse del settore fossero sfruttate meglio.
Mette il dito sulla piaga: l’assenza fino a ora di una politica turistica e di una programmazione sistematica di questo settore ci ha fatto perdere considerevoli quote di mercato. Insomma ci siamo illusi che si potesse andare avanti come negli anni 80, invece la globalizzazione ha fatto esplodere mercati e concorrenza e noi abbiamo fatto ben poco per adeguarci a una domanda che aveva cambiato registro. La nostra bilancia commerciale turistica ha oggi 10 miliardi di euro di attivo che sarebbero potuti diventare due-tre volte tanto se avessimo adeguato il nostro sistema di offerta risolvendo l’equazione costi-benefici.
Sole, mare, arte, vino e gastronomia possono diventare il nostro petrolio. Che cosa occorre fare e che cosa non è stato fatto?
Il turista medio ormai va nel paese che riesce a proporgli un’offerta che sia vantaggiosa nel suo insieme. Non gli basta più visitare una città d’arte o godersi il mare in qualche suggestivo tratto di costa: pretende un’efficiente rete di trasporto, servizi confortevoli ed anche strutture ricettive che abbiano prezzi competitivi. Noi purtroppo siamo carenti su tutti e tre questi fronti perché nessuno ha pensato a programmare una logistica di sistema. Il fatto stesso che, in un anno la sola città di Venezia riesca ad aver un numero di presenze, circa 24 milioni, eguale a quello che nello stesso arco di tempo, riesce a raccogliere tutta l’area del nostro mezzogiorno, le dà un quadro della situazione.
Quando si vuole i risultati si ottengono anche in Italia. Basta vedere Napoli e l’emergenza rifiuti.
Proprio Napoli è un esempio dell’assoluta mancanza di logistica. Ora che non ci sono più i rifiuti per le strade, il turista, difatti, deve combattere con una aeroporto privo di collegamenti con la città, con traghetti per le isole che non rispettano gli orari, con un’area archeologica unica al mondo come quella di Pompei priva di ogni forma di controllo. Ecco i problemi da risolvere. E la cosa che mi pare inaudita è che il sindaco di Napoli, la signora Iervolino, sta facendo di tutto per ostacolare l’opera di una cabina di regia che abbiamo deciso insieme con la regione. Motivo, la competenza deve restare all’amministrazione comunale. Che però continua a non fare nulla.
Perché l’Italia è cara? Le nostre località turistiche sono fuori dalla portata dell’italiano medio. Conviene di più andare all’estero…
È vero che spesso sette giorni in un nostro villaggio turistico hanno un costo quasi doppio di quello di un villaggio tunisino o del Marocco. La verità è che: primo, le nostre strutture ricettive sono sottoposte a una pressione fiscale troppo elevata. Secondo, c’è un’enorme carenza, in certe aree del paese, di servizi sussidiari. Treni, aerei, collegamenti stradali. Così il turista fa quattro conti e va altrove.
Colpa di quando è stato fatto il cambio in euro? Perché Spagna, Grecia e Portogallo sono riuscite meglio di noi a contenere i prezzi?
Direi che questo problema può avere inciso soltanto all’inizio. Oggi la carta vincente è la logistica. La Spagna lo ha affrontato e, in buona parte, risolto mettendo, per esempio, in rete tutto il sistema dei suoi aeroporti in modo da favorire i collegamenti di chi viaggi low cost. Noi abbiamo più di 100 scali aerei, la maggior parte dei quali sconnessi tra loro. La differenza è tutta qui, e non è poco, Un parte delle nostre strutture ricettive non riesce a offrire un rapporto qualità-prezzo soddisfacente.
Che cosa pensa delle decisione di Cacciari di mettere la tassa d’ingresso per i turisti a Venezia? Potrebbero farlo anche Roma, Firenze, Taormina, Milano, Capri?
Per le città come Venezia e Firenze, che in alta stagione, sono quasi sempre in over bookning, questo può anche essere un espediente ma non certo una soluzione. Per le altre località da lei citate sarebbe un espediente solo dannoso. La Spagna ci sta dando la polvere perché ha saputo affrontare per tempo il problema delle strutture ricettive e delle loro interconnessioni con le reti di trasporto.
Per il risparmio energico non sarebbe opportuno obbligare gli stabilimenti balneari a dotarsi dei pannelli solari?
Perché noi? Solo che c’è un dettaglio: le amministrazioni pubbliche affittano le spiagge solo un anno per l’altro e qual è l’imprenditore che, per un periodo così breve, si sobbarca un investimento del genere? La durata dei canoni di affitto alle imprese balneari è difatti un problema da affrontare. Ma c’è qualche amministrazione che ci sta pensando?
Tutti parlano del debito della Tv della libertà. Era di 20 milioni?
La Tv della libertà, come del resto anche i circoli sono stati voluti dallo stesso Berlusconi per lanciare il partito, diventato oggi una grande realtà. Mi pare quindi che la loro funzione abbia avuto importanti convalide. Tanto è vero che ora Veltroni pensa di fare per il Pd una tv della genere.
A Forza Italia lei ha fatto breccia sul Cavaliere, anche se si è trascinata dietro tante antipatie e pettegolezzi di molte sue colleghe onorevoli. Perché? Solo invidia?
I miei circoli hanno avuto, per la costruzione del Popolo della libertà, un ruolo preciso che non intendo enfatizzare ma nemmeno troppo sminuire. Certo, il rinnovamento della politica può aver provocato polemiche, e, come lei dice, qualche antipatia, ma io non mi sono mai preoccupata né delle une né delle altre.
Cosa sogna per il suo futuro? Fare innamorare gli italiani o si accontenta… di Rocco Siffredi? Farebbe un film colui dopo le dichiarazioni d’amore nei suoi confronti?
Sogno di poter contribuire a fare del nostro turismo un’industria capace di produrre molteplici risorse e Dio solo sa quanto la nostra economia ne abbia bisogno. Il resto, mi creda, solo sono chiacchiere.
Che cosa ha provato rivedendosi su Striscia?
Solo divertimento.
di Marco Castoro”
Italia Oggi

Rassegne stampa


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/vhosts/michelavittoriabrambilla.it/httpdocs/wp-content/themes/mvb2/slide-stampa.php on line 7