Vai a: COPERTINA, AMBIENTE.

Sono in politica per
realizzare ciò che
credo giusto, altrimenti
mi sarei accontentata
di sognare.

News

RECOVERY PLAN, ON. BRAMBILLA: “RISORSE PER UN WELFARE UNICO UOMO-ANIMALE” E DA NOI “UN SÌ CONVINTO ALLA TUTELA DEGLI ANIMALI IN COSTITUZIONE”

Pubblicata il 14 Aprile 2021

Destinare “adeguate risorse” dal Recovery fund alla “concreta applicazione” del principio “One health” (una sola salute, umana e animale) e quindi ai primi passi verso “un nuovo progetto di assistenza sanitaria pubblica “estesa” agli animali d’affezione”. Lo chiedono, con una lettera inviata nei giorni scorsi ai ministri della Salute e dell’Economia, le oltre ottanta associazioni aderenti alla Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente, a cominciare dalle cinque fondatrici Enpa, Lav, Leidaa, Lndc, Oipa. Del contenuto della lettera ha parlato oggi l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente di Leidaa (Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente) al convegno “I veri amici sono loro” organizzato da Confindustria-Cisambiente. Con l’occasione, l’ex ministro, responsabile del dipartimento diritti animali di FI, ha ribadito che Silvio Berlusconi considera “una grande conquista di civiltà” l’inserimento della tutela “della biodiversità e degli animali” nella nostra Costituzione, come ha avuto anche occasione di spiegare pubblicamente negli ultimi anni.

La lettera ai ministri – ha dichiarato l’on. Brambilla – è stata scritta proprio per evitare che si perda l’occasione di disegnare un nuovo progetto di assistenza sanitaria fondato davvero sul principio dell’unicità della salute, umana e animale. “Tra le azioni propedeutiche al raggiungimento del questo traguardo – ha detto l’ex ministro – ci sono certamente l’unificazione e l’ammodernamento delle anagrafi canine regionali, di cui ancora non si riescono ad assicurare aggiornamento e interoperabilità nonostante siano previsti dal “piano della performance” del ministero della Salute 2020-22, l’istituzione di anagrafi feline obbligatorie e il censimento delle colonie, l’integrazione dei dati dell’Anagrafe della popolazione residente con quelli degli animali familiari conviventi a formare un nuovo “stato di famiglia”, la revisione dei LEA per includere anche la sterilizzazione degli animali di proprietà, oltre a quella – già prevista – dei cani randagi e dei gatti delle colonie”. L’on. Brambilla ha anche ricordato che “è rimasta inattuata la disposizione di legge (art.13 Legge 20 novembre 2017 n.167) che prevedeva il passaggio dell’anagrafe degli equidi dal Ministero per le Politiche Agricole al Ministero della Salute.

Quanto alla riforma degli articoli 9, 41 e 117 della Costituzione, per la quale la commissione Affari costituzionali del Senato ha adottato un testo base definito dall’on. Brambilla “molto innovativo” e “di portata storica”, l’ex ministro ribadisce l’appoggio alla nuova formulazione dell’art. 9: oltre al paesaggio e al patrimonio storico e artistico della Nazione, la Repubblica “tutela l’ambiente e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni; protegge la biodiversità e gli animali”. Si tratta peraltro di una previsione presente anche in un ddl a prima firma Brambilla e da lei depositato per tre legislature alla Camera dei deputati.

Rassegne stampa


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/vhosts/michelavittoriabrambilla.it/httpdocs/wp-content/themes/mvb2/slide-stampa.php on line 7