Vai a: COPERTINA, AMBIENTE.

Sono in politica per
realizzare ciò che
credo giusto, altrimenti
mi sarei accontentata
di sognare.

News

BRAMBILLA:”SUBITO UN REFERENDUM ABROGATIVO PER DIRE NO ALLA “SANITÀ DI PRODI”

Pubblicata il 8 Gennaio 2007

La logica dei nuovi ticket sanitari? Vessazione e miopia . Parola di Michela Brambilla, presidente dei giovani imprenditori di Confcommercio. Una logica subdola che si accanisce contro le fasce deboli in primis gli anziani. Anche loro, che ne sono i maggiori fruitori, dovranno pagare per richiedere una visita specialistica. E poi c’è il servizio di pronto soccorso che da zero euro passa a 25. La stangata non guarda in faccia nessuna, tutti dovranno pagare, non si fanno eccezioni. E pazienza se cosi si frena la ripresa economica del Paese .”Invece di pensare a incentivi per lo sviluppo, il Governo ha deciso di aumentare la pressione fiscale creando un clima di sfiducia nelle famiglie-osserva Michela Brambilla -. È una manovra inutile che non è supportata da esigenze concrete. Il governo Berlusconi aveva ereditato un buco di 38mila miliardi di lire mentre l’attuale esecutivo ha giovato di un ‘eccedenza di 38 milioni di euro , quasi 76 miliardi di vecchie lire “. La matematica di Romano Prodi e Tommaso Padoa Schioppa segue le regole dell’ ideologia,quindi del sacrificio e dell’austerity . I ticket sanitari sono l’accanimento terapeutico su un malato che risulta immaginario . “non cavalcare la ripresa ma rischiare di affondarla è un atto di miopia politica “, insiste il presidente dei giovani imprenditori .Allora perché il governo ha commesso un simile errore ? “ È semplice perché la vera maggioranza di questo esecutivo è composta da massimalisti ,assistenzialisti e statalisti . Le loro mosse sono dettate dal pregiudizio ideologico che blocca qualsiasi iniziativa riformista “.È emblematica , in questo senso , l’uscita di scena del diessino Nicola Rossi che ha dovuto gettare la spugna di fronte all’ impossibilità del cambiamento. Lo considero un segnale preoccupante –incalza Michela Brambilla -. Le dimissioni di Rossi Non fanno ben sperare chi contava di aver una sponsa riformista nel centrosinistra . Vale la pena citare il capitolo previdenziale che non si tampona con una manovra fiscale ma con una riforma delle pensioni che non peggiori quella dell’ex ministro Roberto Maroni. Perdar voce al malcontento dei cittadini l’associazione nazionale Circolo della libertà ha avviato una raccolta firme . L’obiettivo è arrivare al referendum abrogativo per rimandare al più presto i ticket sanitari al mittente.”Crediamo nella democrazia popolare –spiega-e vogliamo che la gente possa aver uno strumento per far sentire la propria opinione .I nostri banchetti sono presenti ovunque , per i milanesi l’appuntamento è è sabato in piazza San Babila”. Dunque una chance importante per Dire no alla sanità punitiva e al carovita. Il referendum abrogativo è previsto dalla Costituzione e qualora fosse indetto e suffragato dalla volontà popolare può cancellare le leggi della politica. Il consenso all’ iniziativa di Michela Brambilla può essere sottoscritto Anche on line al sito www.circolodellaliberta.it “In ogni caso le norme volute dalla sinistra non potranno rappresentare molto per il bilancio della sanità pubblica.”, puntualizza il Presidente che proprio per questo considera la manovra “ancora più incettabile” ,soltanto “una goccia nel mare della spesa , ma che finisce per introdurre un odioso balzello sulla sanità “. Ma quale progresso potrebbe rappresentare questo inutile obolo al servizio nazionale? “A questo proposito stiamo preparando un dossier –continua – . Il titolo è chiaro “ Quando lo Stato ci chiede e quanto ci da”. Inutile dire che il saldo non è in pareggio “.Per questo i cittadini devono scendere in campo,ma occorre far presto “ perchè stiamo già assistendo al caos amministrativo che negli ospedali regna sovrano in seguito all’ introduzione delle nuove norme”. L’analisi di Michela Brambilla si allarga all’ intera strategia di “ allarme conti pubblici “ con cui lo staff del Professore ha tentato di convincere gli italiani dell’ ineluttabilità della manovra . Perché una tale psicosi sulle spalle dei contribuenti ?”Abbassare le tasse era doveroso :le famiglie lo vogliono ,le imprese lo chiedono il Paese lo pretende .Ma nel governo hanno sempre il sopravvento le frange massimaliste . Cosi la contabilità nazionale si trova ora 25 miliardi di euro in più”.;fine-testo
Autore – Pamela Barbaglia La Padania

Rassegne stampa


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /var/www/vhosts/michelavittoriabrambilla.it/httpdocs/wp-content/themes/mvb2/slide-stampa.php on line 7